Dom. Ott 2nd, 2022

In molti ci chiedono quale è la posizione di Voltiamo Pagina sull’annosa questione dello stadio, provo a farne una sintesi partendo comunque da una riflessione personale ma che nella sostanza è condivisa dal gruppo. La riflessione personale è che anche noi abbiamo a cuore il Sant’Angelo calcio e la sua storia, personalmente sono un tifoso che da qualche tempo non va allo stadio ma ha dei bellissimi ricordi degli anni in cui da ragazzo ci andava, sempre a vedere formazioni fantastiche con i vari Scaini, Mazzola junior, Derio Marchesi. Bobo Gori. Ricordo in particolare l’anno della C1 secondi dietro il Pergocrema, non ne avevo persa una di partita… Ancora oggi leggo sempre i risultati e so di persone che pur non abitando più a Sant’Angelo vengono a vedere la partita quando possono. Posto come detto che sosteniamo la squadra e la Società non possiamo esimerci dall’osservare che anche questa vicenda è frutto di un difetto di pianificazione.

Sono anni che sappiamo che lo stadio ma diciamo l’intero centro sportivo non sono degni di una città come Sant’Angelo e per un intervento di una seria portata occorre un ingente investimento per il quale è necessario reperire i finanziamenti, ma soprattutto avere un progetto di gestione di ampio respiro che possa legittimamente essere utile alla Società Sant’Angelo Calcio, ma anche all’ intera collettività alla quale dall’investimento sul bene pubblico dovrebbe essere restituito più di qualcosa. Investimento che programmato negli anni dovrebbe trovare in un’unica gestione lo stadio, sede principale della squadra ma risistemato per poter ospitare anche altro quali manifestazioni e concerti, il campo di allenamento con la pista di atletica, da risistemare e rendere sempre più fruibile ai tanti santangiolini, il campetto di basket e quello di calcetto, sostanzialmente “non” gestiti fino ad arrivare a possibili sinergie con la gestione della piscina.

In sintesi una progettualità ampia che potrebbe vedere, ad esempio, la stessa convenzione con la Società Sant’Angelo per la gestione di un’area vasta, anche con l’opportunità in caso di introdurre modici servizi a pagamento ma con la sicurezza di avere a fianco un’amministrazione che sappia scadenzare impegni e interventi e non si arrivi all’emergenza. Temiamo infatti che l’investimento programmato di 450 mila Euro non sia sufficiente se non per un intervento parziale ma soprattutto non armonizzato con una visione di insieme come scritto sopra.

Ora la nuova Convenzione è stata stipulata della durata di un solo anno e senza particolari novità consente di superare certo pro tempore le difficoltà ma attendiamo di capire e vedere gli sviluppi futuri. Non possiamo quindi che auspicare che i soldi che saranno ora investiti non siano solo un intervento emergenziale e ma che siano l’inizio di un percorso virtuoso di sistemazione dell’intera area.

La mancata programmazione ma soprattutto le incognite sulla gestione hanno già comportato (e lo vediamo tutti) negli anni impiego di denaro pubblico (soldi nostri vorrei ricordare…) e nessuna utilità immediata. Si veda Cascina Ortaglia soldi spesi e abbandonata lì e il Municipio 2 dove ancora ne attendiamo la destinazione, aspettiamo quindi fiduciosi di vedere oltre cosa ci aspetta per il centro sportivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.